La “my fair lady” italiana – II parte

Samantha è conscia di non essere femminile né nel vestire né nell’eloquio e vorrebbe migliorarsi…
Mostra meno Mostra altro